La pietra lavica utilizzata per realizzare questi gioielli è stata estratta da cave situate alle pendici dell'Etna.

Essa risale all'eruzione del 1669.

Viene lavorata con le antiche tecniche del taglio delle gemme e trasformata in lastre sottili e leggere.

Per conferirgli le varie colorazioni ed enfatizzarne la bellezza, è smaltata, dipinta a mano ed infornata in forni della ceramica a temperature che raggiungono i 1000°

Piccole imperfezioni rivelano la manifattura artigianale rendendo ogni creazione unica.

Variante

Brunito, Rodiato bianco

1 recensione per Pendente un sasso piccolo e cotone nero
  1. Mariella

    Ho regalato questo pendente al mio piccolo nipote Giovanni, che ha apprezzato molto e adesso non lo toglie piùù!!! !

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.